Marketing digitale per PMI: 10 punti per un manifesto

Marketing digitale per PMI: 10 punti per un manifesto

Marketing

Dentro all’etichetta “Piccole e Medie Imprese” ci sono microimprese di 2 persone e un 1 milione di euro di fatturato annuo, fino a imprese con 250 occupati e 50 milioni di euro di fatturato. Anche la maturità verso il marketing digitale spazia da chi ha processi rodati e un digitale integrato lungo il customer journey dei clienti, a chi è ancorato a un sito vetrina non aggiornato. Non sempre il livello di maturità è direttamente correlato alle dimensioni e al fatturato, anzi.

Ho riassunto in questo manifesto quelli che dalla mia esperienza sono oggi i principali punti di attenzione per ogni imprenditore/marketing manager/digital manager di PMI che vuole far funzionare davvero il marketing nei punti di contatto digitali:

  1. Se pensi che lavorare sul brand serva solo a Coca-Cola o ci voglia il budget di Coca-Cola, pensa a come hai scelto gli ultimi fornitori per la tua azienda: scommetto che parte della decisione è passata da valutazioni come “perché sono loro e mi fido/sono i migliori/la vediamo allo stesso modo”
  2. I team sales e marketing lì fuori sono sempre più vicini. Sono i clienti a chiedertelo. È il momento di sviluppare progetti che stimolino una sana co-opetition
  3. Per fare marketing automation servono tool, processi, flussi, interazioni utili da automatizzare. E spesso queste interazioni utili passano da contenuti per far aprire una e-mail o rispondere a una telefonata
  4. Parte dal marketing perché siamo la frontiera ma il digitale porta innovazione in tutta l’impresa; struttura progetti per portare a bordo il customer care, chi sviluppa prodotti/servizi, le risorse umane
  5. Se hai un e-commerce e non vendi, riparti dal customer journey dei tuoi clienti e pensa alla loro esperienza d’acquisto. Solo dopo, eventualmente, investi per “rifare il sito” o spendi di più per portarci traffico
  6. Metti i clienti al centro. E per farlo hai bisogno di un CRM. Punto.
  7. Sei sicuro che ti servano più lead? Forse la tua base clienti, quelli che conosci per nome e sai già come contattare, è il primo cantiere lavori da avviare
  8. Se “strategia” ti sembra una parola grossa e spesso abusata, hai ragione. Chiamala “avere le idee chiare e un piano per farle diventare risultati”
  9. Se proprio devi scegliere tra tool e persone, investi prima sulle persone. Le persone competenti scelgono i tool giusti e li fanno funzionare, non viceversa
  10. È digital, ma è prima di tutto marketing.

 

A proposito di marketing digitale per PMI, nel mio libro trovi una panoramica su strategia, strumenti principali e casi di successo; per un supporto personalizzato, invece, qui trovi cosa posso fare per la tua azienda/agenzia/organizzazione.

2 commenti

  • Antonio Santarsiero

    Il punto 4 è molto sottovalutato dagli imprenditori. Quando inizi un progetto di digital marketing per un'impresa che non ne ha mai fatto uso, spesso viene fuori il "marcio" in processi che non hanno nulla a che vedere col marketing. Mi è capitato molte volte di scatenare una reazione (benefica) a catena in un'organizzazione.

  • alessandra

    Grazie Miriam per il tuo decalogo E' digital, ma prima di tutto è marketing e io aggiungerei non solo: è supply chain ed organizzazione. Come rimane sempre valido il manuale di marketing di Kotler, è necessario non dimenticare i libri di organizzazione e strategia. il "Digital" è successivo ma se alla base non c'è strategia e organizzazione ...

Newsletter Contattami ora