Traduzioni all'italiana: "to engage" e il libro di Carr

Traduzioni all’italiana: “to engage” e il libro di Carr

Libri, Riflessioni

Mi è capitato diverse settimane fa durante un seminario 2.0 yeah di sentir tradotto il verbo “to engage” con il nostrano “ingaggiare”.

Alla voce ‘ingaggiare‘ sul De Mauro online troviamo

v.tr.
1 CO assumere alle proprie dipendenze con un contratto e dietro compenso: i. degli operai, i. una guida per la spedizione; i. un attore, un artista, scritturarlo | assoldare: i. truppe mercenarie
2a TS mar., arruolare per equipaggiare una nave: i. marittimi, i. un equipaggio
2b TS sport, impegnare per un dato periodo di tempo in una squadra o in una società sportiva: i. un calciatore, i. un atleta
3 CO provocare, cominciare: i. battaglia, i. una discussione, una lite con qcn.
4 OB dare in pegno

Ogni volta che sento il verbo “ingaggiare” mi ricordo di quando mi sono capitati in mano – a scopo consiglio per traduzione in spagnolo – due contratti di giocatori di serie A.

Forse meglio se lo traduciamo con “coinvolgere”. Oppure?

Ah, a proposito di traduzioni. Da Mantellini ho lette della traduzione del titolo del libro di Nicholas Carr “The Big Switch: Rewiring the World, from Edison to Google. Carr nel libro – omaggio ricevuto durante l’ultimo Search Engine Strategies di New York – fa un’analisi delle trasformazioni economiche e sociali introdotte dalla produzione centralizzata di energia elettrica e le mette in parallelo con quelle possibili, e in parte già in atto, grazie all’aumento dei servizi disponibili in rete (invece che installati sul proprio pc) e soprattutto alla concentrazione della potenza di calcolo all’esterno delle aziende invece che all’interno (aka “cloud computing”). Nella seconda parte del testo mette in luce i rischi di questa concentrazione, passando dal controllo dell’accesso da parte di poche aziende private, ai problemi legati alla privacy.

La traduzione in italiano? “Il lato oscuro della rete. Liberta’, sicurezza, privacy”. Robe da matti.

comments powered by Disqus

4 commenti

  • stefania

    Io sto traducendo un trattato di marketing dall'inglese e proprio nel caso di "engage" sto pensando di usare "apostrofare", nel senso di "engage" (agganciare sarebbe pù appropriato ma non credo che il committente del testo gradirebbe, mi pare un po' negativo, no?) un cliente potenziale che vagabonda nello store. Lo si può fare in vari modi, con il classico CAN I HELP YOU se ci sembra che lapersona gradirebbe un'asistenza da parte del commesso, oppure semplicemente parlando del tempo ecc., giusto per iniziare un contatto.... Avrei preso in considerazione anche "abbordare" ma pure questo termine mi sembra avere un'accezione non proprio positiva... E coinvolgere non mi pare appropriato, in un caso come questo....

  • Mariela De Marchi

    Eh, la traduzione! Si dice che se è bella non è fedele, e se è fedele non è bella. Ma l'esempio di cui parli non sembra né bello né fedele :-(

  • Francesco

    Sto leggento il libro di Carr, traduzione tanto assurda quanto fuorviante. Grande pensatore quest'uomo!

  • gluca

    "un seminario 2.0 yeah" questa me la segno :)