Considering A Career In Search Engine Marketing?

Considering A Career In Search Engine Marketing?

Un mix

Ho una passione per le citazioni, soprattutto quando condivido. E quando creano reti di citazioni.

Mike Taylor di Jobs In Search, in un recente post sul blog aziendale, ‘Search Engine Marketing & SEO Jobs & Careers Blog’, parlando delle caratteristiche per lavorare nel settore del SEM, dice:

‘However, one overriding attribute to have is the ability to deal with change [ndr: il grassetto è mio]. Things change so quickly within the search engine industry, with new products and services launched on a regular basis as well as updates to the search engine’s algorithms, that you have to be able to respond quickly and analyse what the various changes will mean to your clients.’

A volte può essere spiazzante avere a che fare con un mondo in cui tutto cambia alla velocità della luce e gli sforzi in termini di tempo e risorse per l’aggiornamento devono superare quelli da dedicare al consolidamento della conoscenza.

Visto dal lato azienda, cito invece Enzo Badalotti su Nòva24 di oggi, parlando di aziende, gestione del cambiamento e caos:

‘Quanto maggiore è la velocità del cambiamento, nel settore e nell’ambiente nel quale opera un’azienda, tanto più necessaria diventa la flessibilità organizzativa.’

E ancora:

‘L’attenzione deve essere concentrata su quello che l’azienda può diventare, sull’esplorazione di business contigui che possono generare opportunità.’

Non solo gestire il cambiamento, ma rilanciare per arrivare sempre un po’ prima…

comments powered by Disqus

2 commenti

  • Miriam

    >Ciao Fra, credo che in entrambi i casi - azienda e persona - l'importante sia tenere bene alzate le antenne per 'ascoltare' gli stimoli esterni, saperli decodificare e reagire velocemente. Mi vengono in mente i formicai con il loro brulicare: ogni formica sa dove deve arrivare ma, a seconda degli stimoli, sceglie in corsa il percorso.

  • Fradefra

    >Chi si occupa di Organizzazione Aziendale, infatti, sa che ormai è impossibile tentare di progettare flussi operativi ed informativi standard, codificati e costanti nel tempo.

    Molto più importante, invece, è allenare l'impresa ad affrontare il cambiamento, l'evoluzione, la modifica dell'obiettivo.

    Purtroppo ciò non è sempre possibile, soprattutto in aziende in cui vige l'autorità padronale che tende a lasciare sempre tutto immutato per semplificare la gestione (con ovvie ragioni, anche se limitanti).

    La cosa si ribalta alla persona. Come le aziende, anche le persone devono imparare a gestire il cambiamento. Il patrimonio di ognuno è costituito dal "sè" non da cosa si ha o da cosa si fa. Pensare di imparare un mestiere e proseguire per decine di anni con gli stessi metodi è impensabile, qualunque cosa si faccia.

    Mi scuso per la lunghezza del commento, ma quando si parla di gestione del cambiamento, non riesco a fermare le mie dita :-)